Archivi tag: acero

Tavolino mosaico a cassettoni

Tavolino mosaico a cassettoni

Chi di noi non ha mai pensato: “Mi piacerebbe, ma questo proprio non lo posso fare!” oppure “La mia manualità è pari a zero!”

Beh, il tavolino mosaico a cassettoni che vi sto per mostrare l’ha realizzato un ragazzino di soli 9 anni, durante il corso di mosaico al laboratorio Pastore…che ne dite?

Tavolino-mosaico-a-cassettoni

Piano mosaico a cassettoni.

 

Tavolino-mosaico-a-cassettoni

Tavolino con piano a mosaico a cassettoni.

Ovviamente la struttura, in legno di ciliegio,  è stata realizzata interamente dal Maestro Raffaele, ma il piano a mosaico è merito di Flavio!

Misure del tavolino: larghezza 55cm – profondità 40cm – altezza 55cm

Legni usati per il piano a mosaico: acero, pero e wenghé.

Totale tessere: 1836.

Il termine “a cassettoni” è in genere riferito a un elemento architettonico presente già in età antica chiamato anche “lucanare”.
Per saperne di più:clicca qui.

Fasi di lavoro:

Tavolino-mosaico-a-cassettoni

Piano a mosaico in lavorazione…

Tavolino-mosaico-a-cassettoni

Flavio a lavoro!

Secondo me e Flavio:
“Un viaggio di 1000 miglia inizia con un solo passo.” Lao Tze

Provate anche voi! 😉

 

Viaggio tra i legni Acero

Viaggio tra i legni Acero

Il “Viaggio tra i legni” un percorso di (ri)scoperta della materia prima  che mi accompagna sin dai primi anni della mia adolescenza e con cui “lavoro” per realizzare anche i miei mosaici.
Lo “start” per aprire questa serie di articoli sui vari tipi di legni, l’ho ricevuto direttamente da voi che mi (ci) seguite in questo blog. Molti di voi mi hanno chiesto di conoscere qualcosa in più sulla provenienza, le caratteristiche tecniche e gli usi dei legni più utilizzati nel mosaico in legno e nella falegnameria artigianale.
Non volendomi sostituire a preziose ed estese fonti web e/o cartacee, riporterò alcuni dati tecnici, e maggior nozioni dettate dall’esperienza nella lavorazione di questo splendido materiale!
Spero di assolvere almeno in parte alle vostre richieste e mi raccomando…le vostre curiosità saranno preziosissime!

Bene, come non partire da uno dei legni più utilizzati nel mosaico…l’Acero!

Appartenente alla famiglia delle Aceraceae, si presenta in natura come un albero ad alto fusto o a cespuglio e cresce nelle zone temperate di tutta l’Europa, in America, nell’India e nell’Estremo Oriente.

 

acero campestre

Acero campestre – utilizzato nella lavorazione del legno e nel mosaico

 

acero canadese

Acero canadese – utilizzato per estrarre lo sciroppo d’acero

Acero giapponese

Acero giapponese – adatto per formare bonsai

Spesso l’acero si ritrova con diversi nomi commerciali, questi i più usati:
Acero – Italia
Ahorn – Germania
Maple – Gran Bretagna
Erable – Francia

Nella lavorazione si nota il colore bianco o bianco giallastro del legno che per effetto della luce e dell’aria con gli anni tende ad ingiallirsi sensibilmente.
L’acero è un legno medio duro a tessitura piuttosto fine tanto da avere dei pori quasi invisibili, seppur ovviamente presenti, frutto dei micro canali conduttori della linfa. Il taglio è abbastanza agevole con sega circolare con placchette al widia, come pure la finitura a cera d’api nei lavori di mosaico. Un legno indicato per cornici, intagli (infatti è spesso utilizzato anche nella costruzione di strumenti musicali), per lavori al tornio ed è facilmente tranciabile e sfogliabile.

Nelle tessere del mosaico in legno, e non solo, si notano le specchiature radiali risaltare come sottili strisce o vene lucenti dette anche marezzature…tanto che spesso risulta non immediato riconoscere il verso della venatura soprattutto nel tratto detto “primo tronco”. Il verso delle venature è importantissimo soprattutto per la composizione dei mosaici geometrici, perché grazie alle qualità dell’acero, si riescono ad ottenere degli effetti simili al madreperla.

Spero di aver sciolto qualche dubbio e soprattutto stuzzicato la vostra curiosità…prossimamente parleremo del mogano!